Per gli artisti visivi (pittura, scrittura, foto, video, installazioni)

Con il presente articolo diamo informazioni relativamente a:
 1)Spedizione dell’opera;
    Le richiediamo di spedire entro la prossima settimana la sua opera a: Panza Cosimino, Pres. Ass.Xarte , C.da Piano
         Morra snc 82100 Benevento cell. 3332032647.L’imballo deve contenere in maniera ben visibile  le indicazioni di 
         chi spedisce in quanto tale imballo sarà riutilizzato per restituire, se non ritirata diversamente, l’opera spedita.
     In caso di consegna a mano le richiediamo di comunicarci la data della consegna che deve essere almeno entro 
            il 30 ottobre. Appena la sua opera giungerà le daremo comunicazioni informandola a mezzo email. 
     Nel caso abbia del materiale suo pubblicitario (bigliettini, brochure, ecc.) lo inserisca in una busta per lettera e lo 
           metta nel suo pacco.
 2)Partecipazione alla manifestazione;
     Il premio internazionale Iside, nella sua durata complessiva proporrà eventi artistici che contraddistingueranno 
           ogni giorno degli otto che lo compongono; per questo chiediamo se vuole :
	- essere intervistato/a da media locali e web agency;
	- proporre qualche evento che possa essere di interesse generale, verrà inserito nel programma ;
 	- dare indicazioni o consigli in merito.
     Per comunicazioni o altro chiamare al 3332032647.  

Composizione della giuria per le opere letterarie.

Si comunica la composizione della giuria che valuterà le opere letterarie.
La giuria è così composta:
Presidente:
Rita Pacilio di Benevento
Membri:
Marco Bellini di Milano
Giuseppe Vetromile di Napoli
Angela Ragusa di Montesarchio
Milena Di Rubbo di Benevento
Alfredo Martinelli di Benevento

Prorogati i termini al 30 settembre

L’associazione culturale Xarte.com comunica che a causa del grande interesse verso la partecipazione alla VI° edizione del premio internazionale di arte contemporanea Iside sono stati prorogati i termini di adesione al 30 settembre. La proroga  è un riconoscimento verso un premio d’arte unico nel panorama nazionale in quanto è capace di coinvolgere gli artisti che ne hanno scelto anche il tema su cui verteranno le opere ma anche conferenze, work shop e le ricerche. Il punto di forza del premio è appunto la tematica che è di grande impegno sociale ed è l’amore”.  

Le opere quindi conterranno i valori che ogni artista ha sul tema usando anche come linee guida della Divina Commedia ed L’amor che move il sole e l’altre stelle è l’ultimo verso del Paradiso e della Divina Commedia di Dante Alighieri. Dopo la fugace visione di Dio, realizzazione piena del suo itinerarium mentis in Deum (per definirlo con le parole di san Bonaventura), Dante sente che l’Amore “che move il sole e l’altre stelle” sta ormai muovendo anche il suo desiderio e la sua volontà, così si riconosce “nella solitudine infinita del solo Dio” collocandosi nella perfezione del moto circolare divino”.

L’organizzazione di questa VI° edizione è la seguente :“ Direttore artistico Dott.ssa Sara Musco, direzione Critica dott. Angelo Orsillo (Direttore Accademia Fotografica di Benevento), presidente dott. Maurizio Caso Panza.

Giuria Tecnica: Raffaella Bellonia (Presidente di Giuria), Maria Sibilio (artista), Maurizio Iazeolla. Giuria popolare: Ornella De Blasis, Erasmo Amato, Annamaria De Luca.

Scarica il bando:

arti visive Bando-Iside-VI-Visiva file pdf Bando-Iside-VI-Visiva file docx

arti letterarie Bando-Iside-VI-lett file pdf  Bando-Iside-VI-lett dile docs

Scadenza bando 30 agosto.

Ricordiamo agli artisti interessati che il termine per le adesione è fissato al 30 agosto. Le selezioni sono gratuite mentre se ammessi, si riceverà relativo attestato di ammissione,  la partecipazione per le arti visive con mostra in sede museale , con catalogo cartaceo ed elettronico, attestati, premi, corsi formativi è di 60 euro per una sola opera mentre per due opere è di 80 euro. Non esistono limiti alle dimensioni delle opere.

E’ possibile partecipare anche con poesia, prosa, racconti vedasi bando relativo alla letteratura.

I bandi:

arti visive:  Bando-Iside-VI-Visiva  (pdf); Bando-Iside-VI-Visiva (docx)

arti letterarie:  Bando-Iside-VI-lett (pdf); Bando-Iside-VI-lett (docx)

Omnia vincit amor et nos cedamus amori (lett. “L’amore vince tutto, e noi cediamo all’amore”)

Omnia vincit amor et nos cedamus amori (lett. “L’amore vince tutto, e noi cediamo all’amore”) è una forte intuizione ma anche intensa espressione latina di Publio Virgilio Marone (Bucoliche X, 69). Questo messaggio non poteva passare inosservato e non lo è stato se numerosi artisti la richiamano nelle proprio opere. Mi piace però  riferirmi alla massima espressione pittorica universale che per me  è Michelangelo Merisi da Caravaggio meglio come il Caravaggio che con l’opera ” Amor Vincit Omnia” un dipinto olio su tela realizzato intorno al 1602 esprime tutto il suo estro geniale. I suoi dipinti, fermano il tempo, confondono le realtà,  combinano confusione  dello stato umano, sia fisico, sia emotivo, in uno scenografico uso della luce.

 

 

L’amore nell’arte attraverso opere di artisti famosi.

Il tema dell’amore tanto voluto dagli artisti della precedente edizione ha stimolato numerosissimi estimatori d’arte  che hanno  richiesto e scaricato il bando. L’amore non vi è dubbio è il motore della vita e forse per questo ben si presta ad essere interpretato nelle opere. Proprio l’interpretazione degli artisti più famosi  sull’amore sta diventando virale il bando della VI edizione.

Scarica il bando:    Arti visive  pdf ( Bando-Iside-VI-Visiva) docx  (Bando-Iside-VI-Visiva)
Poesie-narrativa e recitazione    pdf (Bando-Iside-VI-lett) docx (Bando-Iside-VI-lett).

 

L’amor che move il sole e l’altre stelle.

L’amor che move il sole e l’altre stelle (Paradiso XXXIII,145) è l’ultimo verso del  Paradiso e della Divina Commedia di Dante Alighieri. Dopo la fugace visione di Dio, realizzazione piena del suo itinerarium mentis in Deum,  Dante sente che l’Amore “che move il sole e l’altre stelle” sta ormai muovendo anche il suo desiderio e la sua volontà (vv. 142-145). Dante così si riconosce “nella solitudine infinita del solo Dio“,collocandosi nella perfezione del moto circolare divino.

Le stelle, osservava Attilio Momigliano,[2] sono la meta di Dante e per questo motivo ricorrono nel verso finale di ogni cantica della Commedia: una rispondenza che «non è pura simmetria, ma espressione del motivo ideale che corre attraverso il poema e lo innalza costantemente verso la meta». Con questo verso, Dante racchiude il significato dell’intera opera, di Dio, dell’universo, del fatto che l’amore è il meccanismo del mondo e di tutta la vita.

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Gli artisti di tutte le arti ben potranno apprezzare la portata di tali testi.